Scopri i monumenti storici e gli angoli caratteristi della Puglia.
La posizione dell’hotel d’Altavilla situato a Canosa di Puglia, nei pressi dei siti archeologici, ti permetterà di visitare le principali attrazioni della città, come: la cattedrale di S. Sabino, il Castello, il Ponte Romano, la basilica di S. Leucio e di visitare le città limitrofe.

Bari e la costa

Bari

Bari, capoluogo della regione, è la città dei due volti: l’ipnotica Bari vecchia affacciata sull’Adriatico e l’elegante quartiere murattiano. Il grandioso Castello Svevo fa da porta alla città vecchia nella quale si arriva attraversando l’Arco del Pellegrino. Cuore del borgo antico è la Basilica di San Nicola, patrono della città. Nell’ottocentesca Bari murattiana troviamo importanti palazzi signorili come il teatro Petruzzelli, il teatro Piccinni, il teatro Margherita, l’unico teatro al mondo costruito sull’acqua, e Palazzo Fizzarotti.

Molfetta

Le sue origini risalgono alla preistoria, lo testimoniano i resti di insediamenti antichi e necropoli che sono stati rinvenuti nelle campagne circostanti; oggi è uno dei più importanti centri ittici della regione. Il romanico Duomo di San Corrado, gioiello della vecchia città, domina il centro storico, famoso per i suoi vicoli “a spina di pesce”. Fuori le mura del borgo antico è possibile ammirare, all’interno del Palazzo Comunale, opere di celebri artisti contemporanei, come Renato Guttuso. Molfetta è nota per il Pulo, grande sprofondamento di origine carsica che conserva resti di un insediamento neolitico.

Polignano a mare

Polignano, bandiera blu per le acque cristalline del Mar Adriatico che la bagna, sorge su uno sperone roccioso a strapiombo con cavità impressionanti scavate dal mare. Il centro storico della cittadina è ricco di influenze arabe, bizantine, spagnole e normanne. Dall’arco della Porta, un tempo unica via di accesso al paese, si accede all’antico borgo nel quale si può visitare la Chiesa Matrice duecentesca dedicata all’ Assunta. La costa frastagliata, le calette nascoste, le insenature sabbiose, il profilo del litorale regalano un meraviglioso scenario da ricordare.

Monopoli

La città si trova lungo la costa adriatica ed è caratterizzata da un paesaggio molto suggestivo per via delle antiche masserie e dei secolari alberi d’ulivo. La città di Monopoli trae le sue origini da una poderosa fortezza messapica del V sec a.C. i cui resti sono stati sovrapposti dal centro storico di origine alto medievale. Oggi le 25 calette e le ampie distese sabbiose rendono la cittadina un’ottima meta turistica balneare.

Gargano e Daunia

Isole Tremiti

Le isole Tremiti, situate a 21 km a nord del promontorio del Gargano, parco marino dal 1989, sono caratterizzate da uno straordinario scenario di coste rocciose calcaree, insenature, grotte marine e cale. La particolare limpidezza delle acque consente di osservare i meravigliosi fondali nei quali si possono trovare spugne colorate, stelle marine e ricci. Le isole di San Nicola, San Domino, Capraia e la più distante e isolata Pianosa compongono l’arcipelago. Insieme agli isolotti di Cretaccio e La Vecchia. L’isola di San Nicola è il cuore storico delle isole Tremiti, dominato dai torrioni e dall’abbazia di Santa Maria a mare, fondata nel 1045 dai monaci benedettini di Montecassino.

Vieste

Vieste, situata all’interno del Parco Nazionale del Gargano, incanta con le spiagge rosa argento, le acque limpide e cristalline, lunghe strisce di sabbia, le alte falesie e le 26 grotte marine. La costa è un susseguirsi di calette, tra cui Vignanotica, la Baia di San Felice e Punta Lunga. Da non perdere gli scenografici ristorantini sospesi sull’Adriatico all’interno dei trabucchi, antiche strutture dedite alla pesca. Vieste custodisce un centro storico medievale, un grazioso labirinto di stradine e abitazioni di un tempo, in cui è possibile visitare il castello e la cattedrale.

San Giovanni Rotondo

Il piccolo borgo nel cuore del parco nazionale del gargano è un importante polo del turismo religioso internazionale, grazie alla figura di Padre Pio da Pietralcina le cui spoglie sono conservate nella cripta del convento di Santa Maria delle Grazie ed oggi racchiuse nel nuovo complesso progettato da Renzo Piano. San Giovanni Rotondo è circondata dalle antiche mura fatte costruire da Federico II all’interno delle quali sono presenti numerose chiese di interesse storico e culturale.

Foggia

Nel cuore del Tavoliere delle Puglie, Foggia, capoluogo provinciale, è stata ricostruita sulle ceneri della vicina Arpi, antico centro della Daunia. Raggiunse il maggiore splendore grazie a Federico II che la scelse come sede imperiale. Nonostante sia stata danneggiata da due terremoti e dai bombardamenti della II Guerra Mondiale, che ne hanno raso al suolo la parte antica, numerose sono le testimonianze storiche e architettoniche del suo illustre passato.

San Marco in Lamis

Il piccolo borgo di San Marco in Lamis sorge tra le colline del Parco Nazionale del Gargano, tra le doline e grotte rupestri, tetti a schiera, i Tipici “Mugnali”, ampie gradinate esterne con ballatoio e archi decorano il centro storico denominato La Padula. La storia della città si intreccia con quella del convento di San Matteo.

Puglia Imperiale

Margerita di Savoia

E’ nota per le saline, le più grandi d’Europa e le seconde nel mondo, riconosciute come riserva naturale dello stato dal 1977 grazie alla particolarità del territorio e alla presenza degli eleganti fenicotteri rosa. Tra le dune sabbiose si trova anche lo stabilimento termale che rappresenta un polo di grande attrazione per i turisti che vogliono vivere una vacanza all’insegna del benessere.

Canosa di Puglia

Canosa, collocata sulle pendici nord-occidentali della Murgia, domina tutta la Valle dell’Ofanto e le pianure del Tavoliere. Città antichissima, centro dauno fiorente fin dal VII secolo a.C., tanto ricco e potente da allearsi con Roma, e da diventare per Roma un nodo strategico importantissimo; poi città federiciana, retroguardia delle Saline e avamposto dell’Impero. Punto di partenza ideale è la Cattedrale bizantina di San Sabino insieme al Mausoleo Boemondo. Dal centro del borgo, si scivola sotto terra per visitare i preziosi Ipogei, tra cui il Lagrasta, il più grande del sud Italia, l’Oplita, il Cerbero e antiche tombe sepolcrali. Il periodo romano ha lasciato le sue tracce con il ponte sull’Ofanto, l’anfiteatro, i mausolei Bagnoli, Torre Casieri sulla via Traiana e l’Arco di Terenzio Varrone. Del periodo paleocristiano fanno parte invece gli scavi di San Pietro, il Battistero di San Giovanni, la Basilica di San Leucio e il mosaico della Croce di Salomone. Reperti e vasi sono in tutti i principali musei (Londra, Parigi, Berlino, Mosca) e collezioni private del mondo. E’ un percorso nella storia da non perdere.

Barletta

Barletta, capoluogo di provincia con Andria e Trani, offre un importante patrimonio, con le eleganti architetture e le preziose collezioni museali contenute all’interno del castello, una delle più belle fortezze rinascimentali. Nota per la celebre disfida, la città invita a tornare indietro nel tempo con una visita alla cantina della disfida all’interno di un palazzo trecentesco. Il palazzo della marra, poco fuori dal centro storico, ospita la pinacoteca Giuseppe de Nittis, noto impressionista di origine barlettane. Anche il mare rientra nei tesori della città con l’importante porto commerciale e il litorale di spiagge finissime.

Canne della Battaglia

A pochi km da Barletta, non distante da Canosa, sorge sulla collina il parco archeologico di Canne della Battaglia, luogo che fu teatro del celebre scontro tra romani e cartaginesi nel 216°a.c. . Da non perdere sono la cosidetta cittadella, l’antico villaggio sauno con sepolcreto in località di Fontanella, e il ricco antiquarium, museo che raccoglie preziose testimonianze dell’epoca preistorica, classica e medievale.

Andria e Castel del Monte

Andria, nota per la fortezza federiciana, patrimonio dell’UNESCO, e per i suoi prodotti gastronomici, è capoluogo di provincia con Barletta e Trani. A pochi km da Andria, nelle campagne, troneggia Castel del Monte, tra i castelli più belli d’ Europa. La fortezza fu edificata da Federico II di Svevia, rispecchiando gli stili e la personalità dell’imperatore. Tra le eccellenze gastronomiche della città emergono i confetti ai quali è stato dedicato un museo e le burrate, tipico prodotto caseario della zona.

Minervino Murge

Minervino Murge è un piccolo borgo caratterizzato da un labirinto di stradine dove si affacciano le antiche abitazioni dalla facciata bianca. La sua collocazione geografica (500 m sul livello del mare) regala una visita eccezionale sulla Valle dell’Ofanto e sul parco nazionale dell’Alta Murgia, ai piedi dell’abitato, scavato tra le rocce, si trovano le grotte di San Michele, importante luogo di culto. Simbolo gastronomico della città è il fungo carboncello, tipico dell’alta murgia.

Trani

L’elegante Trani, capoluogo di provincia con Andria e Barletta, conosciuta come la “la perla dell’Adriatico” , è famosa per la cattedrale romanica sospesa sul mare all’interno della quale sono presenti le due cripte di San Nicola e di Santa Maria e l’ipogeo di San Leucio. Il borgo antico, il quartiere ebraico con le sue tre sinagoghe, il Castello Svevo (fortino voluto da Federico II) per tre quarti sull’acqua, i palazzi nobiliari che si affacciano sul porto, le antiche chiese e il Tribunale rendono questa città indimenticabile. E’ nota anche per la pietra rosea, offerta dal suo stesso sottosuolo, e per l’ottimo vino Moscato prodotto.

Valle d’Itria e Murgia dei Trulli

Fasano

Al confine tra il Salento e la Terra di Bari, Fasano è caratterizzata da viuzze, pareti bianche, archi e piccole piazze. Nelle vicinanze di Fasano troviamo il parco archeologico nazionale di Egnazia, l’antica città messapica, e lo Zoosafari, il più grande parco faunistico d’Italia. Da visitare sono anche le masserie, molte delle quali trasformate in accoglienti agriturismo e in lussuosi resort.

Alberobello

Alberobello, cuore della Murgia dei Trulli, è un labirinto di vicoli tortuosi con più di 1000 costruzioni in pietra a secco, imbiancate con calce viva e con il tetto a forma di cono fatto anch’esso di pietre. Croci, cuori trafitti e simboli zodiacali decorano il tetto di ogni trullo. Alberobello è l’unica città in cui permane un intero quartiere dei trulli diventato Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Locorotondo

Tra i borghi più belli d’Italia, Locorotondo è nel cuore della Valle d’Itria. Arroccata su un altopiano la città prende il suo nome per la forma circolare del centro antico, sorto attorno all’anno mille, costituito da una serie di casupole dal tetto spiovente. Tra la distesa di case bianche del centro storico svettano i campanili delle tante chiese.

Ostuni

La magia di Ostuni, la città bianca e bandiera blu, è legata alla caratteristica colorazione con pittura a calce del borgo antico, una pratica tuttora rigorosamente rispettata dai residenti. Al centro del borgo troneggia la quattrocentesca cattedrale in stile romanico-gotico su cui spicca un grande rosone a 24 raggi di rara bellezza. Il borgo antico offre molti aspetti pittoreschi dovuti alla eccezionale conservazione delle caratteristiche costruttive del luogo e delle peculiarità urbanistiche. Si incontrano alcuni esempi di dimore signorili come il barocco palazzo ducale Zevallos. L’agro di Ostuni, invece, è costellato da masserie, molte delle quali trasformate in accoglienti agriturismi e resort di lusso.

Distanze:

  • Castel del monte: 38 minuti di macchina
  • Alberobello: 1 ora e mezza di macchina
  • Andria: 28 minuti di macchina
  • Gargano: 1 ora e mezza di macchina
  • Margherita di Savoia: 26 minuti di macchina
  • Matera: 1 ora e mezza di macchina
  • San Giovanni Rotondo: 1 ora e 7minuti di macchina

Vieni a scoprire le bellezze della Puglia!